Home Page Archivio foto e film curriculum lavori recenti libri Videocassette L'avventura e la scoperta reportage



 

Cultural television series



         
   

VOYAGE @ SEA & BELOW

Una Serie di sei film realizzati nei mari di tutto il mondo, dall'Oceania all'Atlantico, dal Mediterraneo ai mari glaciali, gli approdi che portano alla conoscenza di realtà naturali e vicende umane fuori dal tempo. Anche con brani selezionati da "Sesto Continente", "Tikoyo e il suo pescecane" e altri famosi film di Folco Quilici.

 

THE MARBLE EMPIRE (2004)

Sharing the secret of an "ancient sea".




  Le Alpi

The ALPS

A series of eight 30-minute films

After a long period of preparation, shooting and editing, the first ever series of films has been completed showing the "diverse unity" of the Italian Alpine regions; the southern side of a mountain range that runs 2000 kilometres from East to West has been portrayed in all its grandeur.
A close look at the ever-changing environments of the Alpine peaks and valleys and at the key role played by this natural barrier in ancient and modern European history. A spectacular aggregation of complex natural tableaux in which are inserted an equally complex collection of ethnic settlements.

  Genova

 

GENOA, ITALIA (2001)

In Genoa, on the shores of Liguria, time has scanned the history of Mankind and now beats to the rhythm of progress and modernization of a city projected into the future, while never denying the past…
The people of Liguria have roots that run deep. They are tenacious Italians, with a marked bent for industriousness and improvement.
The continuous clash of styles and historical periods is a feature of many Italian cities, but in Genoa the mix can be astonishingly provocative. Similar interplays are found in the surrounding countryside… in the physical characteristics of this mountainous land overlooking the sea.
Generation after generation, the people of Liguria have sailed and worked the sea… with the same fervor with which they work the land.
But since the 19th century, a time-old balance has been replaced by a new social order largely based on heavy industry.
In days when the city's merchant and military navies dominated the Mediterranean, Genoa was known as "La Superba" for its banking institutions and economic supremacy. From the Middle Ages onwards, century after century of growing importance has been reflected in lay and religious architectural achievements. Among many palatial masterpieces, the 13th century Palazzo della Commenda, built to house pilgrims, The Ducal Palace, the seat of the Republic's power and residence of the Doges, and the Palazzo Doria Pamphili, known as "The House of the Prince", home of the great 16th century condottiere, Andrea Doria, who together with Christopher Columbus has left an indelible mark in the city's heritage.
The "Lanterna", the symbol of Genoa, towers above the port. And oases of luxuriant vegetation jealously guard a splendid selection of villas, many immortalized in landscapes by Alessandro Magnasco in days when the music of another famous citizen, Niccolò Paganini, hung in the air.
Drawing on the fascination of yesteryear and the drive of modern Genoa, famed architect Renzo Piano has redesigned the port area, creating symbols that honor the city, its people and their industry.
Genoa: an urban reality that reflects a past bathed in the light of the Third Millennium.

   

 

THE MIRRORING SEA

Discovering the coastal areas of the Ionian and the Adriatic Seas; from the fiery craters of Mount Etna to the enchanting Venetian lagoon on a journey that includes Magna Graecia, the ruins of Butrinto, the Romanic heritage in Puglia and art treasures from every period of civilization in Dubrovnik, Ancona, Split, Ravenna and Pola; against the ever-changing background of shores that never fail to surprise.
Pages from an always-astonishing musical album of pictures compiled on the sea, beneath the waves and from the sky .

 

   

 

In cooperazione
con RAI 3:
INFINITE ITALY (1998-2001)

Award-winning documentary film-maker, Folco Quilici takes a searching look at his homeland. Roaming the length and breadth of Italy and its coastal waters, he delves into legend and local life, probing the secrets of history and the environment with an expert eye. The result is an amazing kaleidoscope of superb photography that brings to life the timeless vitality of a country that has seen it all. From the Etruscans to Ancient Rome, from the Middle Ages to the Renaissance, from the City States to the present day, Quilici reveals forgotten links with the past and dwells on Italy's immense historical heritage and wealth of natural splendours.
Infinite Italy roams mountains, valleys and plains, from the mainland to the islands tracing movements of peoples and goods that have inspired some of the world's finest art works and architecture
.

   

 

KOLOSSAL (1999)

Cooproduzione RAI TV - ARTE' - LA CINQ.
Da un'idea di Paolo Fabbri
90 minuti.
Fotografia: Riccardo Grassetti (A.I.C.)
Colossale era il faro d'Alessandria, colossali sono gli scheletri dei dinosauri, le Twin Tower di Kuala Lumpur. Eintramontabile il mito del Colosso di Rodi e quello della Torre di Babele.
Colossali il Cristo del Corcovado, il Budda di Banjan, la piramide di Cheope.
Sono i protagonisti del nostro film e con loro altri colossi: i quattro miliardari americani che hanno in banca ricchezze pari a tutte le altre del mondo. Colossale è l'energia nucleare, colossale il disastro provocato dalla piena del Fiume Giallo.
Il colossale è attorno a noi.
Ma è anche dentro di noi? A questo interrogativo hanno risposto importanti personaggi ai quali il film chiede come nasce l'eterno desiderio dell'uomo di creare il colossale. E soprattutto di raffigurare se stesso fuor di misura.
Perché? Perché afferma uno psicanalista, l'uomo non accetta di sparire nel nulla quando morrà. Perché crede nel super-uomo, risponde uno storico. Perché vuol creare opere d'arte immortali, risponde il critico d'arte.
Perché ci divertono le fiabe, rispondono i bambini giocando con l'immagine di Gulliver.
Il nostro è stato un lungo viaggio nel mondo per raccontare questa esaltazione, che sembra insita nel DNA dell'uomo; un viaggio tra i giganti che sorgono dalle sabbie d'Egitto, tra i grattecieli d'America, tra i resti archeologici enormi sepolti nel mare d'Alessandria.
Un lungo e difficile lavoro, un'entusiasmante raccolta di immagini e di opinioni, ruotando a 360 gradi attorno a questo tema. Affrontando una domanda dalle cento risposte: dove e perché "il colossale"?
Credo che il film risponda con molta spettacolarità a questo interrogativo

 

 

IL MILIONE (1997-1998)

Un appuntamento quotidiano nella rete televisiva tematica "Marco Polo", con ottanta film della produzione presentati in Studio dall'Autore.


 

 

 

 

 

 

LA STORIA D'ITALIA DEL XX SECOLO
(Iniziato nel 1993 e tutt'ora in corso di realizzazione).
Produzione Istituto Luce

E' la prima Enciclopedia audiovisiva della storia italiana del novecento su testi degli storici Valerio Castronovo, Renzo De Felice e Pietro Scoppola.
L'opera si compone di 60 episodi divisa in cinque Capitoli, ognuno di dieci film di circa 30 minuti (filmati d'epoca, cinegiornali nonchè reperti iconografici italiani riuniti e collegati da riprese filmate realizzate in Italia e all'estero).
Venduta come Serie di videolibri dal Poligrafico dello Stato.
La Serie è stata messa in onda dal 1998 da vari canali tematici culturali europei.


 

 

 


ARCIPELAGHI (1994 - 1995)

Serie di dieci filmati attorno al mondo alla scoperta delle isole dove la natura e le tradizioni di pesca e navigazione sono conservate - malgrado dolorose dissacrazioni - nei loro valori, al vento di arcipelaghi noti ed ignoti, spettacolari e magici.
Rieditato nel 1997 in edizione di mezz'ora, con il titolo "I MIEI MARI DEL MONDO".
(Dieci film da 52').

 

IL RISCHIO E L'OBBEDIENZA (1990-1992)

Serie di quattro film di 59 minuti sul mezzo millennio della "Compagnia di Gesù", il suo impegno di ieri e di oggi nei più lontani paesi del mondo.

 

 

UOMO, AMBIENTE, ENERGIA (1988-1992)

L'epopea dell'uomo, dall'alba delle sue culture sino al futuro sogno di un'energia inesauribile pulita.
Tre film di 30 minuti con la consulenza scientifica dei maggiori esperti italiani e internazionali.
La Serie unitamente ai volumi che l'hanno corredata, ha vinto il "Premio Galileo" nel 1992.

 

 

ARCHIVI DEL TEMPO (1980-1984)
L'AVVENTURA E LA SCOPERTA (1984-1988)
VIAGGI NELLA STORIA (1988-1992)

Antropologia, archeologia, storia viva nel confronto tra esperienze vissute dall'Autore dal 1952 in poi. Testimonianze di un mondo che scompare, come e perché,e la scoperta di quanto ancora sopravvive.
Le tre Serie (26 film di 30 minuti) sono distribuite sul mercato internazionale riunite con il titolo di ADVENTURES, JOURNEYS & ARCHIVIES.
Tra questi 78 film sono da ricordare: una trilogia realizzata in Amazzonia (IL TESORO DELL'ORINOCO - EL MONDO PERDIDO - DEI, ANGELI E DEMONI), una trilogia dedicata all'archeologia subacquea mediterranea (LE ACQUE DI FUOCO - COLONNE DEL TEMPO - TEMPESTE E MILLENNI): film che nel 1989-1990 hanno ricevuto tra altri il "Premio Nazionale di Regia Televisiva (1990) e quello della "Rassegna dei film scientifico-archeologici a Naxos" (1991). Al Festival Internazionale Cinematografico di Bogotà per il cinquecentenario della scoperta dell'America (1992), ha vinto il primo premio la serie quattro film, L'AMERICA AMERICANA ove l'Autore ha montato sequenze realizzate dal 1972 al 1991, sul popolamento del continente e lo sviluppo delle sue culture prima dello sbarco europeo.
Tutti questi film sono disponibili in videocasetta.

 

LA MIA AMAZZONIA (1991)

Backstage di 55 minuti filmato sulla realizzazione del film "Cacciatori di Navi".
Questo film è disponibile in videocassetta.

LA RUBRICA "GEO" (1980-1989)

Appuntamento culturale divulgativo sul tema "L'avventura e la scoperta" diretto da Folco Quilici per la Rete 3 della RAI-Radiotelevisione Italiana; in onda dal 1980 al 1988 come settimanale (circa 40 i filmati di Folco Quilici per la rubrica, dai 10 ai 30 minuti ognuno)
Nel 1988 e 1989 è stato un appuntamento quotidiano.

 


LA GRANDE EPOQUE (1983-1985)

La nascita del mondo moderno, attraverso la lente d'ingrandimento del movimento artistico Liberty. Con la consulenza storica e artistica di Paolo Portoghesi e Luca Quattrocchi.
Quattro episodi di un'ora.


 


 

 

CIVILTA' SLAVA (1976-1984)

L'epoca di grandi migratori dell'Est e la complessa vicenda del loro insediamento in Europa.
Dieci episodi di 26 minuti distribuiti nel mondo in lingua inglese dalla I.T.V. di Londra e mai trasmessi in Italia.

 
 

IL LINGUAGGIO DEI LUOGHI (1982-1983)

Può la natura e la sua forma, la sua materia, condizionare e ispirare la creatività dell'uomo? Con la consulenza artistica di Paolo Portoghesi
Tredici episodi di 28 minuti.

 


 

 

 

FESTA BAROCCA (1980-1982)

Il grande patrimonio di uno stile e di un'epoca in una serie in sei puntate di 50 minuti, con la consulenza artistica di Paolo Portoghesi e Luca Quattrocchi.
Premio della Critica televisiva Italiana (1983).

 

L'UOMO EUROPEO (1976-1979)

Un'unità nella diversità per superare egoismi, rivalità e trovare una comune radice di popoli e genti del continente.
Otto episodi di un'ora, completati da oltre due puntate di un'ora, dal titolo "Una Europa". La Serie ha avuto la Direzione Storica di Fernand Braudel.
A questa Serie è stato attribuito nel 1980 il Premio "Europa Ecologia" (per la IV puntata, "Conquista e mutazione").


 

 

 

I MARI DELL'UOMO (1974 - 1976)

Tradizioni e "culture" delle genti che vivono sulle rive di oceani e di mari del mondo.
Questi sette film di un'ora hanno vinto il 1 Premio Festival Internazione del Mare a Riga (1978)

 

MEDITERRANEO (1972 - 1978)

Le grandi civiltà in questo mare: "spugna della storia", dall'opera di Fernand Braudel.
Tredici film di un'ora, dei quali cinque realizzati da Folco Quilici.
Questa Serie ha vinto il Premio della Critica Francese (1977-1978)
E' stata rieditata in Francia nel 1985 e nel 1988 e nel 1999.

 

 

GENTI E PAESI
UN BAMBINO E LA SUA CASA (1971-1977)

Films tratti da materiale relativo alla Serie "Alba dell'Uomo" (spunti d'antropologia e etnologia per ragazzi tra i 10 e i 14 anni).
Due Serie per un totale di venti film di venti minuti.

 

 

L'ALBA DELL'UOMO (1970-1974)

Le origini dell'uomo e della sua cultura "riscoperte" nel mondo contemporaneo, in una serie di otto puntate di un'ora.
Questa Serie ha vinto il Premio della Critica Televisiva Italiana 1975-1976.

 

ISLAM (1967-1970)

Origini, sviluppo, trionfo dell'Islam nel mondo moderno, riscoprendono le radici nel suo remoto passato.
Otto episodi di un'ora (in sette episodi la riedizione 1981).
La Serie è stata distribuita negli U.S.A. e nel mondo in una versione di quattro episodi di 52 minuti, con il titolo "Civilisation of Islam" (1983-1984).

 

 

 


 

 

FIRENZE 1000 GIORNI (1967-1970)

Una produzione per la RAI TV Rete 1.
Narra il salvataggio e la ricostruzione del patrimonio artistico di Firenze durante e dopo l'alluvione del 1966. Edizione di tre film di un'ora; e sintesi di un'ora: "Firenze Odissea".
Primo Premio "Mifed" (1971).

 

 

 

TEATRO NEGRO (1967-68)

Tre puntate di 56', realizzate per la RAI TV Rete 1, in collaborazione con Ezio Pecora, partendo dalle rappresentazioni teatrali africane, nord americane e francesi presentate al Festival Mondiale delle Arti Negre di Dakar.
La Serie è stata ripresentata vent'anni dopo, da RAI 1, nel 1988 con una presentazione curata dall'Autore
.

 

 

INDIA (1966-1968)

Per la Rete 1 della RAI TV.
Un lungo viaggio nel passato e nel presente dell'India, in otto episodi di un'ora. E un episodio sintesi "Atman" di un'ora, presentato al "Premio Italia".
Questa Serie ha vinto il Premio Giornalistico Televisivo Italia 1969.

 

 

   


 

LA PROVINCIA NON C'E' PIÙ (1966-1967)

Inchiesta di cinque puntate di un'ora sulla trasformazione sociale e di costume in alcune provincie italiane.
Per i Servizi giornalistici della 1 Rete della RAI TV.

 


 

 

 

 

I PRIMITIVI (1966-1967)

Per la Sezione Culturale Informativa della Rete 1 della RAI TV.
Serie di dieci episodi di 28 minuti sulla sopravvivenza nel mondo moderno delle etnie "fuori dalla storia".

 

 

 

 

 

MALIMBA (1966-1967)

Arti visive, sonore e figurative dell'Africa Nera, per la RAI TV Rete 1.
Cinque episodi di un'ora a complemento e approfondimento della Serie "Alla scoperta dell'Africa".

   

 

ALLA SCOPERTA DELL'AFRICA (1965-1966)

Per la RAI TV, Rete 1.
Sette episodi di un'ra, alla ricerca dell'identità etnica, culturale e storica del Continente giunto in quel decennio alla emancipazione della sua condizione coloniale.
Premiato al Festival Mondiale delle Arti Negre, Dakar 1967.

 

 

 

I VIAGGI DI COOK (1964-1965)

Per la RAI TV, Rete 1.
Cinque episodi di un'ora per evocare le leggendarie navigazioni del primo esploratore che ebbe interessi culturali e scientifici.

 

 

 

ARGENTINA (1958-1959)

Cinque episodi di un'ora per la RAI TV TG1, dipartimento "Servizi speciali".
Racconta e illustra i varii aspetti di un paese ove oltre la metà degli argentini sono d'origine italiana.

 

 

DJERID, TRE VOLTI DEL DESERTO (1956)

Il primo film per la TV italiana di Folco Quilici.
Un servizio speciale di circa 30 minuti sul tema del "deserto che muta".